Natale nella Casa Velehrad

Natale nella Casa Velehrad

Il periodo natalizio ha un fascino irripetibile, grazie alla speranza portata dal Bambino di Betlemme. Quest'anno questa speranza era particolarmente necessaria, dopo i tragici eventi di Praga a ridosso del Natale. L'équipe del Centro Velehrad a Roma si è unita alle preghiere e alla giornata di lutto nazionale con un pellegrinaggio penitenziale a Poggio Bustone, dove San Francesco sperimentò il perdono dei suoi peccati di gioventù, e a Cascia presso Santa Rita, patrona nelle situazioni disperate. Anche nella "Valle santa" - intorno a Rieti - la campana ha suonato, ricordando le vittime della sparatoria di Praga.

Il periodo natalizio ha portato con sé anche tante cose belle: come ogni anno, ci hanno cantato cazoni natalizii i piccoli cantori slovacchi che sono venuti non solo per rallegrare i loro connazionali a Roma e per sostenere con il ricavato la missione in Africa, ma anche per incontrare il Santo Padre Francesco alla Messa di Capodanno. L'ultima sera del vecchio anno, anche loro si sono uniti in una preghiera di ringraziamento a cui sono stati invitati gli ospiti della casa. La tradizionale benedizione della casa ha avuto luogo la sera del giorno dei Re Magi, con un potente canto di canzoni natalizii tradizionali cechi, che si è concluso con una breve preghiera insieme nella cappella. L'atmosfera della casa è stata arricchita da decorazioni natalizie semplici ma eloquenti.

Assemblea generale 2023

Assemblea generale 2023

Nella settimana del 16 ottobre 2023, nei locali della Casa per ferie si è svolto l'incontro annuale dell'Assemblea generale del ČNS Velehrad. La santa messa per l’inizio dell’incontro è stata presieduta dal vescovo ausiliare di Praga, Zdenek Wasserbauer, che per tutto il mese partecipava al Sinodo sulla sinodalità in Vaticano come delegato della Conferenza episcopale ceca. La Casa Velehrad per lui creava volentieri il background per questa missione, così come per la signora Monica Klimentová, addetta stampa della ČBK.

Per l'assemblea generale si sono riuniti una ventina di membri del ČNS, sia romani che residenti nella Repubblica Ceca o all'estero, altri si sono uniti online. Insieme hanno ripercorso gli eventi dell'anno trascorso, hanno riflettuto su di essi, hanno guardato al futuro e hanno cercato come la Casa potesse compiere ancora meglio la sua missione. Non ultimo, c'è stato spazio per belli incontri amichevoli, soprattutto giovedì durante la gita a Greccio e Fonte Colombo. Entrambi sono luoghi associati a St. Francesco d'Assisi e quest'anno festeggiamo 800 anni dal suo primo presepe a Greccio e da quando la Regola fu scritta da S. Francesco a Fonte Colombo. C'è stata anche una tradizionale sosta a Frascati. La comunità dei viandanti o pellegrini si arricchiva anche dei loro amici che venivano con loro a Roma.

55 anni di Velehrad

55 anni di Velehrad

Nella solennità di S. Venceslao, la Casa per ferie Velehrad ha festeggiato 55 anni della sua esistenza. Per il suo compleanno semicircolare ha ricevuto come un „regalo“ un pellegrinaggio dalla parrocchia di Ostrava-Zábřeh (organizzato da CK Křížek), a cui le suore si dedicavano intensamente durante l'intera settimana del "compleanno". Gli ostravani hanno accompagnato il loro vescovo Martin David alla celebrazione della santa messa pontificale in occasione della celebrazione del patrono nazionale ceco nella Basilica di S. Pietro in Vaticano. Questa santa messa è una delle occasioni tradizionali di incontro dei pellegrini e connazionali cechi ed è ogni anno patrocinato e organizzato dall'Ambasciata della Repubblica Ceca presso la Santa Sede nella persona dell'Ambasciatore Václav Kolaja. Dopo la santa messa, il signore Kolaja ha invitato tutti i pellegrini cechi presenti sulla terrazza della nostra casa per ferie per un mini-concerto del coro Ondrášek di Nový Jičín, che in precedenza aveva accompagnato la santa messa, e c'è stato un abbondante rinfresco. All'incontro, in un clima di bella amicizia, hanno partecipato oltre ad un centinaio di pellegrini provenienti da Ostrava anche il loro vescovo mons. David, l'invito hanno accettato  anche l'ex nunzio a Praga, mons. Leanza, e molti connazionali che vivono a Roma.

Quasi un mese dopo, in occasione del menzionato anniversario della casa, l'ambasciata ha utilizzato lo spazio della sala della reception per far conoscere ai familiari dei diplomatici operanti presso la Santa Sede la vita del fondatore della Casa Velehrad e del grande testimone ceco della fede, il cardinale Josef Beran, candidato alla beatificazione.

Visite di giugno

Visite di giugno

Negli ultimi giorni di giugno la Casa del Pellegrinaggio ha accolto alcuni ospiti di onore: per prima, 28 giugno ha avuto l'onore di ospitare al pranzo superiori da tutti i seminari sacerdotali cechi e slovacchi, che in questi giorni a Roma hanno avuto un incontro con i colleghi di altri seminari, durante il quale hanno anche visitato le autorità competenti e il Dicastero.

Il giorno seguente, ha accettato l'invito a una cena amichevole Mons. Charles D. Balvo, l'ex nunzio apostolico nella Repubblica Ceca, attualmente nunzio apostolico in Australia.

Degustazione di birra benedetta

Degustazione di birra benedetta

Un piacevole incontro alla degustazione annuale della birra Pilsner benedetta sulla terrazza della casa delle ferie Velehrad sta diventando una bella tradizione. Quest'anno l'ha organizzata l'Ambasciata della Repubblica Ceca presso la Santa Sede nel pomeriggio dell'11 aprile. Vi hanno partecipato membri del corpo diplomatico, persone nei servizi vaticani, l'ex-nunzio in Repubblica Ceca, mons. Leanza e rappresentanti della comunità ceca a Roma. Il discorso di apertura e il simbolico colpetto della botte di legno ha fatto Sig. Ambasciatore Václav Kolaj con l'aiuto del esperto più competente, capo birraio emerito, il Sig. Berka. L'atmosfera nel tempo soleggiato era più che amichevole.

Pasqua a Velehrad

Pasqua a Velehrad

Il triduo pasquale, con cui rendiamo presente e riviviamo il mistero centrale della fede, cioè la sofferenza redentrice, la morte e la risurrezione di Cristo, ha avuto quest'anno un'atmosfera unica nella nostra casa. Un gruppo di pellegrini slovacchi guidati da Mons. Spišák dell'arcidiocesi di Košice pur non essendo alloggiata nella nostra casa, ha celebrato questa liturgia da noi e con noi. Il Venerdì Santo la folla dei presenti ha potuto onorare il trionfo della croce, la sera del Sabato Santo, durante il rinnovo dei voti battesimali, la luce dei ceri ha illuminato l'intero salone della rezeption, trasformato in cappella, e l'Alleluia! pasquale  risuonò tutta la casa... Nella festa di Pasqua, la maggior parte dei presenti si recò alla santa messa papale sulla piazza di S. Pietro e la successiva benedizione Urbi et Orbi.

Inizio primavera a Roma

Inizio primavera a Roma

Già dall'inizio di febbraio la natura a Roma inizia lentamente a fiorire, e con essa "fiorisce" il traffico di pellegrinaggi nella nostra casa e nell'intera Città Eterna. All'inizio del mese è arrivato un gruppo di parrocchiani di Šumperk con il loro parroco padre Slawomir, tra i partecipanti c'era la signora Borisa, la pellegrina più anziana nella nostra casa per il momento (90), che ha gestito l'impegnativo programma con rispettabile leggerezza. La metà di febbraio appartiene tradizionalmente alla celebrazione degli apostoli slavi S. Cirillo e Metodio, che sono nella Chiesa romana nel calendario 14.2. La santa messa solenne di quest'anno presso la tomba di S. Cirillo nella Basilica di S. Kliment è stato organizzato, pur mantenendo l'alternanza di varie nazioni slave, dal Collegio Nepomuceno nella colaborazione con l'ambasciatore della repubblica Ceca presso la Santa Sede Václav Kolaja. Il celebrante principale è stato l'amministratore dell'arcidiocesi di Olomouc, vescovo Nuzík. Nell'ultimo weekend di febbraio, Velehrad ha vissuto un'esperienza rara: giovane suore domenicane di varie congregazioni di tutta Europa si sono riunite e hanno vissuto il loro incontro di formazione nella sala di accoglienza sotto forma di conferenza con laboratori. A marzo si sono alternati a Velehrad diversi gruppi scolastici e parrocchiali di diverse parti della Repubblica Ceca e Slovacca, di rito orientale e latino. Il tempo delle vacanze primaverili ci ha portato famiglie intere, anche nonne con nipoti…

I volti del Vaticano dei Carcerati

Mostra I volti del Vaticano dei Carcerati

Fino alla metà di febbraio sarà possibile vedere una mostra dei quadri della signora Barbora Pavelková, che lavora sotto lo pseudonimo Claudi Ondok, nella casa delle ferie Velehrad. Si tratta di ritratti di grandi personaggi, sopratutto della Chiesa cattolica ceca, imprigionati nei prigioni comunisti, personaggi noti e meno noti, sacerdoti e laici, uomini e donne, personalità della Chiesa ufficiale e cosiddetta clandestina. C'è anche un ritratto di padre Petr Ondok, un amico di famiglia, da cui la pittrice ha preso in prestito parte del suo nome d'arte.

La mostra si svolge sotto gli auspici dell'ambasciatore ceco presso la Santa Sede, Václav Kolaja. La inaugurazione festiva è avvenuta il 18 novembre 2022 in occasione dell'anniversario della Rivoluzione di Velluto e della riconquista della libertà con la partecipazione dei membri del corpo diplomatico e rappresentanti della comunità ceca a Roma.

La Parrocchia di Valašské Klobouky a Roma

La Parrocchia di Valašské Klobouky a Roma

Tra numerosi pellegrinaggi parrocchiali ospitati quest'anno dalla nostra casa, la parrocchia di Valašské Klobouky ha attirato l'attenzione con il suo concetto originale. Dato dal interesse grandissimo di vivere insieme il pellegrinaggio a Roma, qui si sono alternati due gruppi in due turni – il primo dal 5 all'8 novembre,  pellegrini arrivati ​​in autobus, poi dal 9 all’13 novembre quelli che sono arrivati ​​in aereo. I loro padri spirituali si sono incaricati di organizzare il pellegrinaggio e di accompagnare i loro parrocchiani. Entrambi i gruppi sono riusciti a creare un'atmosfera calda, che  hanno condiviso con gli altri ospiti della casa Velehrad (non solo)cantando canzoni tradizionali...

Assemblea 2022

Assemblea 2022

Nella settimana dal 17.-21.10. si è tenuta l'assemblea generale annuale del Centro Religioso Boemo Velehrad. Dopo una pausa di due anni causata dal covid, più membri hanno potuto incontrarsi di nuovo fisicamente, alcuni hanno preso parte all'incontro online, tra cui alcuni vescovi. Dopo le serie giornate lavorative, c'è stata anche l'occasione per vivere insieme momenti di devozione e relax durante un viaggio ad Orvieto e a Bolsena, luoghi legati al sacerdote ceco Pietro ed al miracolo eucaristico, che è diventato lo slancio per l'introduzione del Corpus Domini. Una tappa a Frascati è servita a completare le esperienze condivise.